Crea sito

ambiente

Legno particolare riciclando carta di giornali

Legno particolare riciclando carta di giornali

Legno particolare riciclando carta di giornali  uno sbocco per il futuro.  Come tutti i rifiuti, la carta pone problemi di smaltimento. La carta è però un materiale riciclabile. Come il vetro, infatti, la carta recuperata può essere trattata e riutilizzata come materia seconda per la produzione di nuova carta.
In Italia carta e cartone rappresentano circa il 30% del totale dei rifiuti e sono una risorsa perchè possono essere utilizzati per produrre carta riciclata. E’ sufficiente recuperare una tonnellata di materiale cellulosico per salvare 3 alberi alti 20 metri, riducendo l’impatto ambientale e risparmiando le fonti di energia.
La carta può essere non solo riciclata, ma anche ampiamente riutilizzata stampando su ambo i lati dei fogli, riutilizzando i sacchetti di carta, donando i libri alle scuole o alle biblioteche.

Legno particolare riciclando carta di giornali

In questo ambito di riciclo, per dare nuova vita a un materiale che altrimenti sarebbe perduto, nasce la notizia di oggi. Mieke Meijer, una designer olandese, ha creato un prodotto industriale, che trasforma la carta di giornali in mobili di design. La designer olandese ha dato vita a dei veri e propri ceppi di legno, realizzati con giornali riciclati. Arrotolandoli tra loro e incollandoli con una colla speciale che consente anche di separare i fogli, nel caso in cui si volesse trasformarli in altro, i giornali riproducono la venatura del legno.

Legno particolare riciclando carta di giornali

Mobili che non hanno nulla da invidiare a quelli prodotti con vero legno. Con un design moderno è accattivante il  Kranthout, potrebbe essere utilizzato in futuro, in maniera concreta e costante. Un nuovo modo di proteggere l’ambiente che ci circonda, impiegando scarti per la produzione di un nuovo materiale.

Fonte (gestione rifiuti) e (greenme.it)

 

Messaggi in bottiglia per trovare l’amore: denunciato per inquinamento.

Messaggi in bottiglia per trovare l’amore: denunciato per inquinamento

Films e canzoni sono diventati, negli ultimi decenni, in qualche modo, i nostri “maestri di vita”. In essi ci rispecchiamo, vivendo e soffrendo, come se fossimo noi stessi i protagonisti delle vicende. Spaziando in tutte le categorie, possiamo prelevare idee, spunti e suggerimenti. Poi che questi, si dimostrino d’aiuto o meno, resta sempre da vedere. Il caso che vi racconto oggi,  ha un finale del tutto inaspettato: tipico della suspance delle  migliori soap-opere. Qualche anno fa, in  un film di successo (tratto da un libro bellissimo), “Le parole che non ti ho detto” un uomo vedovo, lasciava  in mare, alla moglie morta, dei messaggi in bottiglia. Con la speranza che in qualche modo e in qualche forma potessero giungere fino a lei. E una nota canzone dei Police è intitolata “Message in a bottle”.

E’ con questa visione e spinta romantica, che un uomo, Craig Sullivan, ha inondato le coste inglesi di Messaggi in bottiglia nella speranza di trovare un nuovo amore. Questo vedovo, dopo aver perso la moglie a causa di un brutto male, si è rimboccato le maniche e si è dato molto da fare. Come? Riuscendo a spedire lungo le coste più di 2000 bottigliette. E’ riuscito a realizzare il suo scopo? Sembrerebbe di sì, ma non senza conseguenze. Prima di ricevere buone nuove da papabili fidanzate, i Messaggi in bottiglia sono stati intercettati da Helen Gill, fervente ambientalista che ha scritto a l’uomo perché smettesse di inquinare le coste inglesi.

Al Telegraph, Helen ha raccontato: “Camminavo sulla spiaggia e ho trovato 30 bottiglie di vetro con i tappi. Dentro c’erano questi messaggi per trovare un nuovo amore. Può anche sembrare romantico, ma cosa comporta questo per l’ambiente?“ Tante altre persone hanno denunciato l’uomo, alcuni addirittura all’agenzia scozzese che protegge l’ambiente.

L’uomo, alla fine,  ha dovuto rinunciare alla sua romantica pensata. Un paio di donne interessate l’hanno contattato e lui è riuscito in qualche modo nel suo scopo. Che cosa dire? Felice e contento, no… felice e denunciato.

Fonte(www. today. it)