Crea sito

cina

La fermata della metro in casa

la-fermata-della-metro-in-casaIn Cina, un palazzo di cinquecento persone ha la fermata della metro in casa.

 

Quando leggo notizie curiose riferite alla tecnologia mi si affacciano alla memoria spezzoni del film d’animazione “Wall-e”.

Un cartone estremamente educativo, che ci mette in guardia sui lati negativi del “benessere”.

C’è una sorta di legge di contrappasso nel nostro modo di porci e di comportarci.

Perché, se è vero, che siamo sempre più aiutati nella quotidianità a svolgere compiti grazie a macchine e attrezzature moderne, questo comporta una vita più sedentaria sotto molti punti di vista.

In “Wall-e” gli uomini abituati ad essere serviti e riveriti erano diventati dei veri e propri “mollaccioni”  e non riuscivano a stare in piedi.

Speriamo, ovviamente che questo non sia il nostro futuro ma la notizia di oggi cade a fagiolo.

Cosa c’è di più comodo che avere la fermata della metro in casa?

State pensando che non sia  una cosa fattibile?

Mi dispiace dirvi che è stata già realizzata.

In Cina a Chongqing, megalopoli nella parte centro-meridionale del Paese. Questa località è nota ai turisti, come punto di partenza delle crociere verso la diga delle Tre Gole. Qui esiste una linea metropolitana assolutamente unica.

La linea 2 della metropolitana attraversa un grosso condominio abitato da circa cinquecento persone.

Ogni due minuti la metro si ferma tra le mura di casa.

Per non demolire il quartiere gli ingegneri e gli urbanisti hanno dato vita a questa curiosa soluzione.

Hanno costruito le rotaie all’interno del palazzo, permettendo al treno di transitare tra una casa e l’altra.

I residenti hanno protestato? Assolutamente no.
Il valore  delle case è aumentato grazie a questa possibilità di avere la fermata della metro a casa.

Pare che le fermate arrechino un fastidio simile a quello di una lavatrice in movimento.

Cosa ne pensate, sareste propensi all’idea?

Fonte (io vivo a roma. org.)

 

Strategie curiose per vendere

pesche vestite

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Purtroppo è assodato che abbiamo e stiamo attraversando una crisi che spazia un po’ in tutti i settori.

L’economia, e la regolamentazione sono soffocanti, e soffocate da tassazioni, che non si avvicinano neanche lontanamente al guadagno.

C’è chi dice che stiamo uscendo dal baratro… chi vede la luce in fondo al tunnel e chi “pensa negativo”.

Sta di fatto che ci sentiamo catapultati in una realtà dove l’impegno e la fatica non sono proporzionati alla resa.

E se molti si arrendono e/o sono costretti a chiudere bottega, alcuni ne inventano di tutti i colori per risalire la china.

E proprio nell’ambito della seconda categoria, che vi lascio questa segnalazione, utile per attuare qualche possibile strategia per vendere. Curiosa… ma “fruttosa“.

Ebbene un agricoltore cinese Yao Yuan  che si trovava in grande difficoltà economiche ha avuto un’idea…

Quale direte?

Ha vestito le sue pesche.

Sì, avete letto bene si è fatto cucine delle mutandine per le pesche la cui forma simbolizzava un fondoschiena e le ha esposte.

E le pesche così preparate sono andate a ruba, nonostante il prezzo di 70 euro la scatola da 9.

Se guardate nella foto in fondo sono proprio carine… ma voi le comprereste e/o le regalereste?

fonte (notizie.del mondo.info)